PERCORSI

Settimana Civica

DAL 19 AL 25 APRILE 2021

Aderisci alla Settimana Civica “Noi come cittadini. Noi come popolo” dedicata alla memoria di Luca Attanasio

 
Nel 160° anniversario dell’Unità d’Italia – Nel 75° anniversario della Repubblica Italiana
 
Non siamo solo abitanti

 

Settimana Civica

 

19 – 25 aprile 2021

 

Noi come cittadini. Noi come popolo.
 
 
* * *
 
In memoria di Luca Attanasio, cittadino esemplare
 
* * *
 

Dal 19 al 25 aprile 2021 si svolgerà la prima Settimana Civica “Noi come cittadini. Noi come popolo”, un’originale iniziativa dedicata alla valorizzazione e promozione dell’educazione civica delle giovani generazioni.

 

     ▪️ SCARICA LA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL’INIZIATIVA: La settimana civica x scuole

 

     ▪️ ADERISCI compilando il seguente modulo: https://forms.gle/7UUsGpEyTifP6Hs87
 

La Settimana è organizzata in occasione della Festa della Liberazione e di due importanti ricorrenze: il 160° anniversario dell’Unità d’Italia e il 75° della Repubblica.

 
Centinaia di attività

Durante la Settimana Civica si svolgeranno centinaia di attività organizzate da oltre 100 scuole di tutte le regioni italiane, dall’infanzia alla scuola secondaria di II grado, dall’Università e da oltre 100 Enti Locali allo scopo di valorizzare le prime esperienze di educazione civica realizzate nell’anno scolastico in corso e promuovere la cultura civica della cura, dei diritti e delle responsabilità alla luce delle grandi sfide aperte.

     ▪️ VEDI LE 10 IDEE PER PARTECIPARE: 10 idee per la settimana civica

     ▪️ADERISCI compilando il seguente modulo entro il 12 aprilehttps://bit.ly/2Q3lFuT 
 
 

Lunedì 19 aprile – L’inaugurazione

La Settimana sarà inaugurata lunedì 19 aprile 2021 dall’Assemblea Grande dell’Educazione Civica che si terrà dalle ore 9.30 alle 12.00 via Zoom con la partecipazione del Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi e della Vice Ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Marina Sereni.
      ▪️ PER PARTECIPARE REGISTRATI AL SEGUENTE LINK  https://bit.ly/3d2P2GG

      ▪️ LEGGI la lettera di invito per Dirigenti e Docenti Lett. AD x Assemblea Grande 19 Aprile 
 
 

Martedì 20 aprile – Laboratorio di Futuro

Laboratorio di Futuro per le scuole Secondarie di I e II Grado – Come sarà il mondo nel 2030? Incontro con Jean Fabre, esperto delle Nazioni Unite (Ginevra) (ore 9.00/12.30 zia Zoom)
      ▪️ PER PARTECIPARE GLI/LE STUDENTI devono rispondere alle seguenti domande ➤  https://forms.gle/gLcdQsUoAXKkEt8W6
 
 

Giovedì 22 aprile – Le Università

“La sfida dell’educazione civica nelle università italiane” – Seminario promosso dalla Rete delle Università per la Pace (ore 10.00 – 13.00 via Zoom)
 
 

Venerdì 23 aprile – Gli Enti Locali

Venerdì 23 aprile si terrà la prima Conferenza Nazionale dedicata a “Le città per l’educazione civica” (ore 16.00 – 18.30 via Zoom) con la partecipazione di Cristina Grieco, Consigliere del Ministro dell’Istruzione.
 
 

La parola agli studenti e studentesse

La Settimana sarà anche l’occasione per chiedere agli studenti e studentesse cosa pensano dell’Educazione Civica.

     ▪️ PER RACCOGLIERE idee e opinioni, gli/le studenti devono compilare il modulo ➤ https://bit.ly/3wCPO54
 
 

La prima valutazione dei docenti

Durante la sessione inaugurale verranno presentati anche i risultati di una indagine sul primo anno d’insegnamento di educazione civica effettuata tra 500 docenti e dirigenti scolastici.
      ▪️ PER RACCOGLIERE  le valutazioni, gli/le insegnanti dovranno rispondere al modulohttps://bit.ly/2Q9A1K7
 
 

L’esempio di Luca Attanasio

La Settimana Civica è dedicata alla memoria di Luca Attanasio, riconosciuto da tutti come “cittadino esemplare”, perché la sua testimonianza possa ispirare le scelte e i comportamenti di tutti.
 
 

Noi come cittadini. Noi come popolo.

Al centro della Settimana Civica c’è l’impegno ad accrescere la consapevolezza di non essere solo abitanti ma cittadini. E non solo cittadini, ma cittadini in seno ad un popolo.
 
L’educazione civica deve aiutarci a trasformarci da abitanti a cittadini appartenenti ad un popolo con valori, diritti e responsabilità. La tendenza all’individualismo e alla competizione ci ha fatto perdere di vista la realtà delle cose: non siamo individui isolati ma parte di una comunità che riconosce i nostri diritti fondamentali e richiede anche un forte senso di responsabilità personale e collettiva.
 
 

Papa Francesco

Lo slogan “Noi come cittadini. Noi come popolo.” è il cuore del discorso che Papa Francesco, allora Cardinale, ha fatto nel 2010 a Buenos Aires in occasione della Giornata di Pastorale Sociale. “Dobbiamo recuperare la vera natura del cittadino che è convocato per il bene comune. Dobbiamo promuovere una cittadinanza integrale: si è pienamente cittadini solo se ci sentiamo e agiamo come parte della comunità.”
 
 

Per volontà del Parlamento

La Settimana Civica si svolge a conclusione dell’anno in cui, per volere unanime del Parlamento, dopo una importante raccolta di firme organizzata dall’ANCI, ha preso avvio l’insegnamento dell’educazione civica in tutte le scuole di ogni ordine e grado.
Nel 2019, il Parlamento ha introdotto l’insegnamento scolastico dell’educazione civica teso a “formare cittadini responsabili e attivi e a promuovere la partecipazione piena e consapevole alla vita civica, culturale e sociale delle comunità, nel rispetto delle regole, dei diritti e dei doveri”.
 
 

I promotori della Settimana Civica

La Settimana Civica è co-promossa dalla Rete Nazionale delle Scuole per la Pace, dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani, il Liceo “Attilio Bertolucci” di Parma, la Scuola di Alta Formazione “Educare all’Incontro e alla Solidarietà” della LUMSA di Roma, il Centro Diritti Umani “Antonio Papisca” e la Cattedra Unesco “Diritti Umani, Democrazia e Pace” dell’Università di Padova e la Tavola della Pace. In collaborazione con la Rete delle Università per la pace promossa dalla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane.
 
 

VEDI TUTTI I DOCUMENTI E I LINK UTILI

 

 

Le adesioni e le iniziative programmate vanno inviate a: Rete Nazionale delle Scuole per la Pace, via della viola 1 (06122) Perugia – M 335.1431868 – email info@scuoledipace.it 

 

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sed diam nonummy nibh euismod tincidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat volutLorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit, sediam nonummy nibh euismod T cidunt ut laoreet dolore magna aliquam erat vo

Guida per la partecipazione delle scuole alla Marcia PerugiAssisi – domenica 11 ottobre 2020

 

 

Domenica 11 ottobre 2020 si svolgerà la Marcia PerugiAssisi della pace e della fraternità. La Marcia sarà preceduta dal Meeting nazionale delle scuole per la pace e i diritti umani che si svolgerà a Perugia il 9 e 10 ottobre 2020.

 

La Marcia e il Meeting si svolgeranno:

• a 5 anni dall’approvazione dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile e dalla diffusione della lettera di Papa Francesco Laudato sì;
• a 25 anni dalla Conferenza Mondiale sulle Donne e dall’adozione della Dichiarazione e del Programma d’Azione di Pechino;
• a 75 anni dal lancio della prima bomba nucleare sulle città di Hiroshima e Nagasaki, dalla fine della seconda guerra mondiale e dalla costituzione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite;
• a 150 anni dalla nascita del Mahatma Gandhi.

Questi anniversari offriranno importanti occasioni per riflettere sui grandi temi e problemi del nostro tempo e del futuro che stiamo preparando (Clima e ambiente, Disuguaglianze, Lavoro, Futuro, Agenda 2030, Cura, Laudato sì, Pace, Onu, Economia e finanza, Europa, Mediterraneo, Cittadinanza 2030, Educazione e scuola, Pari opportunità, Patto educativo, Città, Armi e guerre, Medio Oriente, Migrazioni, Africa, Muri, Nonviolenza, Gandhi,..).

 

Per la responsabilizzazione dei giovani

La Marcia e il Meeting intendono contribuire alla quarta fase del Programma Mondiale delle Nazioni Unite di Educazione ai Diritti Umani (2020-2024) che è dedicata alla responsabilizzazione dei giovani.

Protagonisti della Marcia e del Meeting saranno gli alunni/studenti e insegnanti, di ogni ordine e grado, impegnati in percorsi di educazione civica, alla cittadinanza, alla pace e ai diritti umani, allo sviluppo sostenibile e alla legalità.

Tra questi, un particolare rilievo avranno gli alunni/studenti e gli insegnanti impegnati nel Programma “Io ho cura” 2019-2021: un originale programma di educazione alla cittadinanza per imparare a prendersi cura di sé, degli altri, dell’ambiente, della comunità e del mondo.

Dopo un anno di scuola dedicato alla scoperta della cultura della cura mediante la realizzazione di esperienze ed esercizi, gli alunni/studenti presenteranno i risultati del loro impegno e promuoveranno la cultura della cura autentica. La cura è il contrario dell’indifferenza e della cultura dello scarto. E’ rispetto, amore, solidarietà, aiuto, vicinanza, accoglienza, condivisione. La cura rende felici, realizza i diritti umani, crea comunità, umanizza.

La partecipazione al Meeting e alla Marcia si configura come possibilità di trasformare una visita d’istruzione di più giorni in un forte momento didattico e progettuale in cui confrontarsi, imparare, elaborare progetti e assumere impegni concreti assieme a studenti provenienti da tutta Italia.

 

Una gran bella occasione

Partecipare alla Marcia e al Meeting vuol dire fare un’esperienza unica di cittadinanza attiva, responsabilità e crescita personale da inserire nel percorso formativo di ogni studente e studentessa. Si tratta di un’occasione unica per:

1. realizzare un originale percorso di Educazione Civica, per le Competenze trasversali e per l’orientamento e/o di Service Learning;

2. promuovere il protagonismo, la responsabilizzazione e l’impegno fattivo degli alunni/studenti per il clima, la pace e i diritti umani;

3. accrescere la propria consapevolezza dei problemi del mondo contemporaneo, dei processi di trasformazione in corso, dei propri diritti e delle proprie responsabilità;

4. scoprire il senso, il significato e il valore dell’impegno per la pace, la giustizia e i diritti umani;

5. sviluppare la capacità degli alunni/studenti di comunicare, ascoltare, prendere la parola, condividere le conoscenze e dialogare con gli altri imparando ad utilizzare in modo responsabile i nuovi media;

6. sviluppare le competenze di cittadinanza degli studenti e, in particolare, la capacità di affrontare problemi difficili e complessi (per una scuola che è anche centro di ricerca e laboratorio culturale);

7. sviluppare le proprie capacità pratiche e organizzative.

 

Partecipare alla Marcia Perugia-Assisi e al Meeting vuol dire inoltre:

• partecipare attivamente alla realizzazione della più grande manifestazione per la pace e la fraternità, la sostenibilità e i diritti umani, il cambiamento e la costruzione di un mondo migliore;

• dare voce alla domanda di pace e giustizia di tanti popoli e persone;

• riflettere sul contributo che ciascuno può dare alla costruzione di un mondo più giusto e solidale;

• scoprire la bellezza e la voglia di “camminare insieme” come stile di vita attento agli altri e al bene comune;

• fare una significativa “esperienza comunitaria” alla riscoperta dei valori della pace, dei diritti umani e della fraternità.

 

La mia scuola per la pace

Organizzare la partecipazione della scuola alla Marcia PerugiAssisi e al Meeting della pace e della fraternità vuol dire:

1. dare avvio al nuovo anno scolastico all’insegna dell’educazione alla pace, ai diritti umani, alla responsabilità e alla cittadinanza;

2. valorizzare le tante attività scolastiche di educazione civica, alla cittadinanza, alla pace e ai diritti umani, allo sviluppo sostenibile e alla legalità;

3. rafforzare l’impegno per trasformare la scuola in un luogo inclusivo, dove si studia e s’impara a vivere e crescere in pace, nel rispetto dei diritti umani;

4. favorire l’incontro, il confronto e lo scambio tra gli studenti e gli insegnanti, di diverse scuole, impegnati in programmi di educazione alla pace e ai diritti umani, alla cittadinanza e alla responsabilità.

 

Giovani protagonisti del cambiamento

La Marcia PerugiAssisi dell’11 ottobre è una grande occasione per promuovere il protagonismo degli studenti di tutte le età, rafforzare le loro competenze di cittadinanza e le loro capacità organizzative.

Gli studenti, organizzati in una o più classi, sono chiamati a:

1. organizzare la Marcia PerugiAssisi e il Meeting riflettendo sulle ragioni, gli obiettivi e le proposte;

2. scegliere, in accordo con il Comitato promotore, un compito da svolgere per la preparazione e la realizzazione della Marcia e del Meeting.

 

Cosa possiamo fare?

Ecco alcune attività da progettare e realizzare:

1. Organizzare la partecipazione della propria scuola al Meeting e alla Marcia (coinvolgere altri studenti,…)

2. Promuovere la partecipazione dei giovani e dei cittadini (uso dei social media,…)

3. Promuovere la comunicazione web prima, durante e dopo la Marcia (promozione degli obiettivi, cronaca della manifestazione, interviste,…)

4. Preparare i messaggi da lanciare alla Marcia (discorsi, slogan, testi, proposte,…)

5. Gestire la partenza della Marcia a Perugia (gestire l’accoglienza, portare lo striscione di apertura, la grande bandiera della pace, i cartelli,..)

6. Preparare interventi e letture di testi, poesie,…

7. Organizzare esibizioni canore e musicali

8. Preparare cartelli, striscioni, volantini

9. Partecipare all’organizzazione del Meeting

10. Gestire la manifestazione conclusiva ad Assisi

 

INFORMAZIONI PRATICHE

La Marcia partirà dai Giardini del Frontone di Perugia alle 9.00 e arriverà alla Rocca Maggiore di Assisi alle 15.00 dove si svolgerà la manifestazione conclusiva. La chiusura della giornata è prevista alle ore 16.30.

Ogni scuola può decidere in quale modo partecipare alla Marcia. Le scuole possono:

1. effettuare l’intero percorso della Marcia (circa 24 chilometri);
2. effettuare un tratto della Marcia partendo da uno dei luoghi attraversati dalla Marcia (Ponte San Giovanni, Collestrada, Ospedalicchio, Bastia);
3. attendere l’arrivo della Marcia a Santa Maria degli Angeli e poi fare l’ultimo tratto del percorso (circa 5 chilometri);
4. attendere l’arrivo della Marcia in piazza San Francesco ad Assisi e poi fare l’ultimo tratto del percorso (circa 1 chilometro);
5. attendere l’arrivo della Marcia alla Rocca di Assisi e partecipare alla manifestazione conclusiva.

 

4 cose da fare subito per partecipare alla Marcia e al Meeting

Le scuole che intendono partecipare al Meeting e alla Marcia PerugiAssisi devono:

1. deliberare la partecipazione delle classi, degli studenti e degli insegnanti attraverso gli organi collegiali della scuola;

2. compilare e inviare la scheda di adesione ( Scheda x adesione scuole 2020) 

3. decidere e preparare le attività da realizzare in vista della Marcia e del Meeting (vedi elenco precedente);

4. prenotare l’alloggio contattando subito l’Agenzia viaggi incaricata: Brunella Marioli, SETTE8 TRAVEL Tel: 075.39.85.76 – Fax: 06.950.55.171 – E-mail: incoming@sette8travel.com.
 
 

SCARICA LA GUIDA IN PDF: Guida per la partecipazione delle scuole 2020

 
 

Invia subito la tua adesione al
Coordinamento Nazionale Enti Locali per la Pace e i diritti umani
via della Viola 1 (06122) Perugia
M 335.1431868 – T 075/5722148 – F 075/5721234 – email info@scuoledipace.it – www.lamiascuolaperlapace.it

VEDI ANCHE

PROGRAMMI

NOME / TITOLO COLLEGAMENTO

PROGRAMMI

NOME / TITOLO COLLEGAMENTO

Iscriviti alla newsletter